Imparare a programmare in Python

Python e SQLAlchemy: soluzione completa per database

Episodio #110 | Durata 31 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 09-01-2019 | Categoria -

SQLAlchemy è una delle più complete soluzioni per interagire con un database da un programma in Python. Contempla sia un approccio tradizionale sia quello ORM: nello screencast li indaghiamo entrambi cercando di cogliere le maggiori differenze che tra essi sussistono

Imparare a programmare in Python

Python: integrare database MySQL nelle applicazioni

Episodio #103 | Durata 18 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 14-11-2018 | Categoria - -

Integrare un database MySQL in un’applicazione Python significa mettere insieme due delle tecnologie più utilizzate al mondo nei rispettivi settori. Il sistema modulare a supporto di questo linguaggio permetterà di avere a disposizione rapidamente quanto di necessario. Ecco un esempio completo

MySQL

Ottimizzare le query in MySQL con gli indici

Episodio #99 | Durata 28 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 17-10-2018 | Categoria - -

Man mano che un database accumula dati l’esecuzione delle query può risultare rallentata compromettendo le performance delle applicazioni. In questo screencast, impareremo a studiare il funzionamento di una query mediante il comando EXPLAIN e ad ottimizzarle tramite indici

MySQL

Gestione degli utenti in MySQL

Episodio #97 | Durata 24 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 03-10-2018 | Categoria - -

La sicurezza è tutto per la gestione dei dati. Il primo passo per garantirsi tale obiettivo è una corretta profilazione degli utenti che metta persone fisiche e applicazioni in condizione di interagire con i database avendo a disposizione i soli privilegi necessari

Creare trigger in MySQL

Episodio #91 | Durata 21 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 18-07-2018 | Categoria - -

Con i trigger possiamo automatizzare fondamentali funzioni di salvaguardia della consistenza di un database. Si tratta di procedure scritte in SQL che scattano “ad evento” e MySQL permette di crearne e configurarne in maniera estremamente pratica

Android

Android Room: relazioni con Type Converters

Episodio #88 | Durata 33 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 27-06-2018 | Categoria - - -

Per poter gestire completamente le relazioni in Android Room, è necessario conoscere i Type Converters, elementi che si occupano di convertire oggetti Java da e verso il database Sqlite. In questo screencast ne vediamo il funzionamento con l’aggiunta di altri elementi che ne fanno da corollario

MySQL

MySQL, gestire dati con le View

Episodio #87 | Durata 20 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 20-06-2018 | Categoria -

MySQL dispone di tutti i meccanismi più avanzati per la gestione dei dati. Le View possono essere considerate tabelle “virtuali” con cui oscurare la complessità delle query e permettere allo sviluppatore di interagire in una modalità più organizzata con il database

RedBeanPHP: un ORM per gestire database

Episodio #83 | Durata 28 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 23-05-2018 | Categoria - -

RedBeanPHP è un ORM per PHP leggero e facile da apprendere. Non richiede alcuna configurazione nè pone difficoltà per l’installazione rendendo immediata l’integrazione di un database in un’applicazione PHP. In questo screencast, lo vediamo subito impiegato in un esempio pratico

Android

Android, gestire relazioni uno-a-molti con Room

Episodio #82 | Durata 28 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 16-05-2018 | Categoria - -

Le informazioni sono tanto più importanti quanto più sono collegate tra loro. I database offrono vari tipi di relazioni tra tabelle e Room le supporta in ogni aspetto. Vediamo come lavorare con le relazioni uno-a-molti tra Entity, una delle tipologie più comuni in assoluto

Android

Android: gestire database SQLite con Room

Episodio #79 | Durata 34 minuti | Autore Giuseppe Maggi | Data 25-04-2018 | Categoria - - -

Android offre un nuovo approccio ufficiale alla gestione dei database. Si chiama Room ed è una libreria di persistenza parte delle Android Architecture Components. Ispirato ad un approccio ORM, richiede pochissimo codice grazie all’uso pervasivo delle annotation Java. Scopriamolo insieme